EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°13 – 16 luglio 2018

Bollettino agro meteo n°13 – 16 luglio 2018

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : tempo incerto

A fine giugno le temperature sono sensibilmente diminuite sotto le medie stagionali e nella prima decade di luglio vi si sono allineate le precipitazioni sono state frequenti con 5 giorni di pioggia ma di scarsa entità e distribuite a macchia nel territorio. Le somme termiche (ad Istrana con dati trentennali) hanno raggiunto 1266 gradi/giorno (+ 370 sulla norma). La prossima settimana non sono previste variazioni importanti nel tempo.

SITUAZIONE FENOLOGICA: invaiatura

I vitigni precoci (pinot vari, merlot) stanno invaiando con un buon anticipo mentre i tardivi ancora non danno segni di invaiatura. Ad Istrana, sito con 25 anni di osservazioni, il Glera ha iniziato ad invaiare.  

SITUAZIONE FITOSANITARIA: peronospera e botrite

La peronospora si presenta ancor con macchie vecchie in disseccamento e con nuove su femminelle. Sui grappoli la larvata procede lentamente Tutte le aziende hanno effettuato la cimatura, anche per eliminare l‘inoculo. Nei pinot, ad inizio invaiatura, si notano piccoli focolai di botrite. In alcuni vigneti si riscontrano presenze significative di tignole.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°12 – 9 luglio 2018

Bollettino agro meteo n°12 – 9 luglio 2018

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : LISON – tempo in miglioramento

Da metà giugno le temperature massime spesso elevate e contemporaneamente l’umidità dell’aria e la bagnatura fogliare basse, hanno contrastato la sporulazione delle macchie di peronospora presenti in molti vigneti. Le piogge del giorno 22 giugno (con 53 mm) hanno però vanificato questo andamento, risvegliando i sintomi della malattia. Le somme termiche (ad Istrana con dati trentennali) hanno raggiunto 1161 gradi/giorno (+ 360 sulla norma). La prossima settimana è previsto un miglioramento del tempo verso una certa stabilità.

SITUAZIONE FENOLOGICA: anticipo notevole

L’accrescimento del volume delle bacche si colloca verso l’annata più anticipata: il 2007. L’invaiatura è iniziata per i Pinot ed anche il Merlot. Le prime analisi del contenuto delle bacche confermano per questi vitigni l’inizio anticipato dell’invaiatura.  

SITUAZIONE FITOSANITARIA: peronospera, distrutti i test non trattati

Come precisato la volta scorsa, i test non trattati sono praticamente distrutti con tutti gli organi colpiti. Nei vigneti difesi i sintomi sono diffusi con molte macchie su femminelle e grappoli con la larvata. La forte pioggia di venerdì 22, ha aggravato ancor più la situazione. La gravità della peronospora è dovuta più alle elevate e prolungate umidità e bagnature fogliari notturne che alla piovosità che è stata limitata nell’area a partire da maggio. Nel complesso le aziende biologiche seguite sono abbastanza apposto (tutte con piccole perdite) tranne alcune con danni importanti da peronospora. Macchie sulle foglie si riscontrano in tutte le aziende sia su foglie vecchie che su femminelle; alcune rifiorisco altre sembrano ben ferme. Si notano importanti attacchi di flavescenza dorata. Lo scaphoideus sembra in tutte ben controllato dagli interventi eseguiti, anche se si trova qualche adulto. Sono rari sintomi di oidio.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°11 – 1 luglio 2018

Bollettino agro meteo n°11 – 1 luglio 2018

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : LISON – ancora tempo variabile

Dopo le piogge leggere del 7 e del 14, il giorno 22 sono caduti da 50 a 70 mm. Le temperature prima molto elevate dopo la pioggia si sono abbassate di 5-6 °C. Le bagnature fogliari continuano ad essere notevoli e superiori a molte altre località. Le somme termiche (ad Istrana con dati trentennali) hanno raggiunto 1051 gradi/giorno (+ 345 sulla norma). La prossima settimana è prevista una certa instabilità a tratti con possibili episodi sparsi temporaleschi.

SITUAZIONE FENOLOGICA: anticipo notevole

Continua l’accrescimento delle bacche nella fase di moltiplicazione cellulare. Il volume raggiunto conferma un anticipo rispetto alla norma. La fase dell’invaiatura potrebbe essere vicina per i pinot.  

SITUAZIONE FITOSANITARIA: peronospera, distrutti i test non trattati

Come precisato la volta scorsa, i test non trattati sono praticamente distrutti con tutti gli organi colpiti. Nei vigneti difesi i sintomi sono diffusi con molte macchie su femminelle e grappoli con la larvata. La forte pioggia di venerdì 22, ha aggravato ancor più la situazione. La gravità della peronospora è dovuta più alle elevate e prolungate umidità e bagnature fogliari notturne che alla piovosità che è stata limitata nell’area a partire da maggio. Nel complesso le aziende biologiche seguite sono abbastanza apposto (tutte con piccole perdite) tranne alcune con danni importanti da peronospora. Macchie sulle foglie si riscontrano in tutte le aziende sia su foglie vecchie che su femminelle; alcune rifiorisco altre sembrano ben ferme. Si notano importanti attacchi di flavescenza dorata. Lo scaphoideus sembra in tutte ben controllato dagli interventi eseguiti, anche se si trova qualche adulto. Sono rari sintomi di oidio.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°10 – 24 giugno 2018

Bollettino agro meteo n°10 – 24 giugno 2018

Scarica bollettino in pdf

SITUAZIONE CLIMATICA : LISON – ancora tempo variabile

Dopo le piogge leggere del 7 e del 14, il giorno 22 sono caduti da 50 a 70 mm. Le temperature prima molto elevate dopo la pioggia si sono abbassate di 5-6 °C. Le bagnature fogliari continuano ad essere notevoli e superiori a molte altre località. Le somme termiche (ad Istrana con dati trentennali) hanno raggiunto 935 gradi/giorno (+ 344 sulla norma). Questa settimana è prevista una maggiore stabilità con temperature elevate e scarsa probabilità di precipitazioni.

SITUAZIONE FENOLOGICA: anticipo notevole

Le bacche di tutti i vitigni continuano l’accrescimento, nella prima fase dopo l’allegagione, per moltiplicazione cellulare. I volumi raggiunti denotano un anticipo rispetto alla norma. I germogli, cimati più volte, continuano ad emettere nuove femminelle, spesso invase da a peronospora. Il giorno 24 giugno è iniziata l’invaiatura in una varietà di riferimento (Perla di Csaba), con un anticipo di 11 giorni.

SITUAZIONE FITOSANITARIA: peronospera, distrutti i test non trattati

I test non trattati sono praticamente distrutti con quasi tutti gli organi colpiti ed indici di infezione molto elevati. Nei vigneti difesi i sintomi sono diffusi con molte macchie su femminelle e grappoli con larvata. Dopo la forte pioggia di venerdì, è necessario ricoprire. In caso di aumento della larvata sui grappoli intervenire con solfato di rame da solo (con un adesivante) fino a 200-300 g/hl. Bagnare bene i grappoli. Non trattare sui Cabernet.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°9 – 18 giugno 2018

Bollettino agro meteo n°9 – 18 giugno 2018

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : LISON – ancora tempo variabile

Giugno finora è continuato con tempo variabile, con precipitazioni sparse, a volte consistenti e con grandinate non gravi. Le temperature continuano ad essere superiori alle medie stagionali. È importante evidenziare come l’umidità relativa dell’aria di notte sia stata elevata, mentre la minima diurna, in sensibile diminuzione: favorendo la sporulazione della peronospora di notte ed ostacolandola di giorno, in concomitanza con le elevate temperature. Le somme termiche (ad Istrana con dati trentennali) hanno raggiunto 868 gradi/giorno (+ 324 sulla norma). Questa settimana è prevista una maggiore stabilità con temperature elevate e con scarsa probabilità di precipitazioni.

SITUAZIONE FENOLOGICA: anticipo notevole, come 2007

Le bacche di tutti i vitigni sono in rapido accrescimento (prima fase dopo l’allegagione, per moltiplicazione cellulare). Il dati sul volume (determinato su 200 bacche) nel 2018 si collocano nella linea di andamento del 2007, anno tra i più precoci. Questi valori si riferiscono ad Istrana, località nella quale vengono rilevati da trent’anni.
 

SITUAZIONE FITOSANITARIA: peronospera, distrutti i test non trattati

I test non trattati sono praticamente distrutti con quasi tutti gli organi colpiti ed indici di infezione molto elevati. Nei vigneti difesi in genere i sintomi sono limitati a poche macchie e grappoli colpiti. Come al solito i casi di mal dell’esca e di flavescenza.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°7 – 1 giugno 2018

Bollettino agro meteo n°7 – 1 giugno 2018

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : LISON – ancora tempo variabile

Maggio si è concluso con tempo variabile, con precipitazioni sparse di lieve entità ma frequenti, (ma a volte intense in alcune località). Le temperature continuano ad essere superiori alle medie stagionali. Le somme termiche hanno raggiunto 663 gradi/giorno (+ 274 sulla norma). Questa settimana continuerà ancora una certa variabilità con possibilità di precipitazioni sparse. Nel mese di maggio la piovosità nella zona è stata inferiore al normale (con 70-80 mm); non ostante ciò la peronospora si è presentata abbastanza aggressiva.

SITUAZIONE FENOLOGICA: confronto stazione pianura centrale trevigiana, anticipo notevole

In tutti i principali vitigni è avvenuta l’allegagione con un notevole anticipo. In genere l’allegagione sembra buona. I grappoli dei pinot non si sono puliti; conservano i residui fiorali tra le bacche. (Trattamento antibotritico e sfogliatura). I germogli continuano a crescere con ritmo minore rispetto alle settimane scorse.

SITUAZIONE FITOSANITARIA: evoluzione grave della peronospora nei test non trattati

Al rilievo del primo maggio la situazione nei test non trattati ha mostrato una esplosione di sintomi sia nelle foglie che nei grappoli. Nei vigneti difesi i sintomi sono a volte diffusi sulle foglie ma non frequenti. Si ribadisce la necessità di eseguire i trattamenti con l’obiettivo di mantenere costante la copertura della vegetazione nuova e delle bacche in allegagione, con interventi ravvicinati a dosi minime di rame. Sintomi di flavescenza e numerosi ritrovamenti di scaphoideus titanus di seconda e terza età. A breve daremo indicazioni per la lotta della cicalina.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°6 – 28 maggio 2018

Bollettino agro meteo n°6 – 28 maggio 2018

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : LISON – tempo ancora variabile

La terza decade di maggio si sta concludendo sempre con tempo variabile, con precipitazioni sparse di lieve entità ma frequenti. Le temperature si sono riprese, continuando la tendenza ad essere superiori alle medie stagionali. Le somme termiche hanno raggiunto 569 gradi/giorno (+ 239 sulla norma). Questa settimana continuerà ancora una certa variabilità con possibilità di precipitazioni sparse.

SITUAZIONE FENOLOGICA: confronto stazione pianura centrale trevigiana, anticipo notevole

Permane l’anticipo cumulato la scorsa settimana, con lo Chardonnay in allegagione, il Glera ed il Merlot in fioritura piena ed il Cabernet S. ad inizio fioritura. Assomiglia al 2007, anno più anticipato. Questo andamento è in linea con la regressione e la tendenza dei 26 anni precedenti. I germogli continuano l’allungamento con valori superiori alle medie degli anni precedenti, soprattutto nel Glera.  

SITUAZIONE FITOSANITARIA: segni in diffusione della peronospera

Come appare dalla tabella sotto, rispetto al 18 maggio, la situazione nei test non trattati ha subito una esplosione di sintomi sia nelle foglie che nei grappoli. Nei vigneti difesi i sintomi sono diffusi sule foglie ma non frequenti. La raccomandazione dello scorso bollettino rimane valida. In funzione dell’andamento meteo si dovranno eseguire i trattamenti con l’obiettivo di mantenere costante la copertura della vegetazione nuova e dei fiori in allegagione, con interventi ravvicinati a dosi minime di rame. Si trovano ancora macchie di botrite su foglia e anche qualcuna di black rot. Primi sintomi di flavescenza e ritrovamenti di scaphoideus di seconda e terza età.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°5 – 22 maggio 2018

Bollettino agro meteo n°5 – 22 maggio 2018

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : tempo ancora variabile pianura centrale trevigiana

La seconda decade di maggio si è conclusa con tempo variabile con precipitazioni localizzate sulle colline di Valdobbiadene, del Montello e dei Colli Asolani. Le temperature sono diminuite verso la normalità. Le somme termiche hanno raggiunto 464 gradi/giorno (+ 212 dalla norma). Questa settimana continuerà una spiccata variabilità con possibilità di precipitazioni sparse.

SITUAZIONE FENOLOGICA: anticipo notevole

Permane l’anticipo cumulato la scorsa settimana, con lo Chardonnay in allegagione, il Glera ed il Merlot in fioritura piena ed il Cabernet S. ad inizio fioritura. Assomiglia al 2007, anno più anticipato. Questo andamento è in linea con la regressione e la tendenza dei 26 anni precedenti. I germogli continuano l’allungamento con valori superiori alle medie degli anni precedenti, soprattutto nel Glera.  

SITUAZIONE FITOSANITARIA: segni in diffusione della peronospera

Negli ultimi giorni, sono numerosi i ritrovamenti di macchie di più età, quasi mai sporulate. Le piogge del 13-14 potrebbero aver determinato infezioni importanti secondo la piovosità dei giorni passati e dei prossimi. In funzione dell’andamento meteo si dovranno eseguire i trattamenti con l’obiettivo di mantenere la copertura della vegetazione nuova e dei fiori in distensione o apertura. Si trovano anche macchie di botrite su foglia e anche qualcuna di black rot. Primi sintomi di flavescenza e ritrovamenti di scaphoideus.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°4 – 15 maggio 2018

BOLLETTINO agro meteo n°4 – 15 maggio 2018

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : ancora temperature elevate con pioggia – Pianura centrale trevigiana

La seconda decade di maggio inizia con tempo incerto e con piovosità diversificate nel territorio, con una concentrazione al centro della provincia e con pochi mm a sud e sud-est. Le temperature sono rimaste comunque sopra la media del periodo; ora in sensibile riduzione. Le somme termiche hanno raggiunto 403 gradi/giorno (+ 211 dalla norma). Questa settimana continua una spiccata variabilità con possibilità di precipitazioni temporalesche sparse.

SITUAZIONE FENOLOGICA : anticipo notevole

Si sta verificando una impennata nella fenologia, con la fioritura in anticipo di quasi due settimane nello Chardonnay e nel Pinot grigio. Qualche cenno anche nel Glera lungo, non ancora nel tondo, Nel 2007 (anno più anticipato) lo Chardonnay iniziò la fioritura il 4 maggio ed il Glera dall’ 11 maggio.
La fertilità delle gemme del Glera nel 2018, verificata in campo, risulta molto superiore a quella del 2017 e superiore anche alle medie del periodo 2005-2017. Risultano inferiori le gemme cieche e sterili e maggiore la percentuale di germogli doppi ma anche quella di infiorescenze portate da germogli deboli.
 

SITUAZIONE FITOSANITARIA : segni di peronospora

Negli ultimi giorni, sono numerosi i ritrovamenti di macchie di varie età, in molte località della provincia. Le piogge del 13-14 potrebbero aver determinato infezioni importanti secondo la piovosità dei giorni passati e dei prossimi. In funzione dell’andamento meteo si dovranno eseguire i trattamenti con l’obiettivo di mantenere lacopertura della vegetazione nuova o di iniziare o continuare con prodotti penetranti. Si trovano anche macchie di botrite su foglia e anche qualcuna di black rot. Primi sintomi di flavescenza.

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°3 – 8 maggio 2018

EXTENDA VITIS : Bollettino agro meteo n°3 – 8 maggio 2018

Scarica bollettino pdf

SITUAZIONE CLIMATICA : ancora temperature elevate con pioggia – Pianura centrale trevigiana

Nella prima decade di maggio, nonostante una breve riduzione, le temperature sono rimaste molto sopra la media del periodo. Le piogge dei primi giorni di maggio sono state in genere abbondanti. Le somme termiche hanno raggiunto 334 gradi/giorno (+ 187 dalla norma).
 

SITUAZIONE FENOLOGICA : accelerazione sensibile

Continua la velocizzazione delle fasi fenologichee l’allungamento rapido dei germogli. Il Bacò(vitigno di riferimento per la fioritura) ha giàraggiunto l’allegagione il giorno 8, con un anticipo di 5- 6 giorni. Se le condizioni climatiche rimangono quelle attuali, anche gli altri vitigni potrebbero anticipare la fioritura. La vigoria, intesa sia come velocità di accrescimento dei germogli che la massa di vegetazione prodotta, sono notevoli.
 

SITUAZIONE FITOSANITARIA : primi segni di peronospora

Già da qualche giorno vengono segnalate macchie di peronospora in varie località. Si tratta in genere di foglie colpite di viti giovani, o di polloni vicino a terra. Infezioni determinate da sporangi germinati con le precipitazioni del 16 aprile. Le piogge abbondanti dei primi di maggio sicuramente hanno determinato le infezioni primarie, il cui periodo di incubazione
dovrebbe compiersi in 6-8 giorni con la comparsadelle macchie. In funzione dell’andamento meteo si dovranno eseguire i trattamenti con l’obiettivo dimantenere la copertura della vegetazione nuova o di continuare con prodotti penetranti, se si è iniziata questa linea.