EXTENDAVITIS : Bollettino agro meteo meteo n°2 – 30 aprile 2019

Bollettino agro meteo n° 2 – 30 aprile 2019

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : settimana incerta

Nella terza decade di aprile le temperature si sono abbassate soprattutto negli ultimi giorni, nei quali l’instabilità ha prodotto precipitazioni record. Le somme termiche al 29 aprile sono a 181 gradi-giorno (+48 sulla norma). Grandinate, spesso disastrose nell’area collinare del DOCG ma anche in pianura il giorno 26 ed anche il 28. Le previsioni meteo fanno sperare ad una attenuazione delle piogge per i prossimi 3 giorni.  

SITUAZIONE FENOLOGICA : accelerazione ma poi rallentamento

Il germogliamento nel Glera ( grafico sopra) è iniziato con un leggero anticipo ma poi ha rallentato ed infine, dove è grandinato ….? I vitigni a germogliamento tardivo sono germogliati nella norma. L’allungamento dei germogli è allineato con la norma per tutti i vitigni. I primi dati confermano una fertilità delle gemme superiore alla norma, come da previsioni. Ma le grandinate, laddove si sono verificate, hanno ridimensionato i dati.  

SITUAZIONE FITOSANITARIA : prime macchie?

Dal giorno 24 e successivi, sono state individuate le prime macchie di peronospora in situazioni molto particolari, in collina: su viti giovani vicino a terra e molto avanti con il germogliamento. Quindi in situazioni non presenti, al momento dell’infezione, nella maggioranza degli ambienti. Le abbondanti e continuative piogge dal 24 aprile e ancora in atto, sicuramente hanno innescato infezioni primarie la cui gravità si potrà valutare allo scadere dei rispettivi periodi di incubazione. Le grandinate, solitamente quando ci sono già le infezioni secondarie, comportano forti attacchi di peronospora. La difesa dovrà ispirarsi alla prevenzione delle infezioni secondarie, con interventi di copertura prima delle piogge previste o associati a prodotti endoterapici.

EXTENDAVITIS : Bollettino agro meteo n°1 – 16 aprile 2019

Bollettino agro meteo n° 1 – 16 aprile 2019

Scarica bollettino in pdf

 

SITUAZIONE CLIMATICA : settimana stabile

Nei primi 3 mesi dell’anno le piogge sono state scarse in gennaio e marzo; solo in febbraio sono risultate nella norma. In aprile e fino a metà, hanno già raggiunto le quantità totali del mese. Le temperature, nei tre mesi sono state molto superiori alle medie stagionali. Nella seconda decade di aprile si sono abbassate, portandosi, soprattutto le massime sotto alla norma. Le somme termiche al 15 aprile sono a 103 gradi-giorno (+62 sulla norma). Le previsioni meteo prevedono piogge significative da lunedì sera, soprattutto martedì 22.  

SITUAZIONE FENOLOGICA: germogliamento un po’ anticipato

Il Germogliamento nel Glera è iniziato dal 20-25 marzo (in anticipo di 6-10 giorni) ma le fasi successive si sono svolte con solo qualche giorno di anticipo. In genere il germogliamento è regolare lungo tutto il capo a frutto, con molti germogli doppi. La fertilità sembra in linea con le previsioni ma solo al controllo in vigneto si potranno avere dati più precisi. Notevoli sono le differenze tra le località, con l’alta collina di Valdobbiadene e le colline di Montebelluna e Maser più anticipate che la pianura.  

SITUAZIONE FITOSANITARIA

L’andamento meteo climatico dell’autunno-inverno, con poca pioggia, ha rallentato la maturazione delle oospore della peronospora. Le piogge di aprile potrebbero aver consentito una velocizzazione della maturazione e conseguentemente un inizio di germinazione, dato che i terreni sono stati bagnati, dai primi di aprile per lungo tempo. Le piogge del 12-13 aprile potrebbero aver innescato qualche infezione. Le piogge previste per martedì 22, consigliano di trattare prima del 22, con i soliti prodotti di copertura.

EXTENDA VITIS : comunicato tecnico n°3-2019

COMUNICATO TECNICO n°3 – 2019

Scarica comunicato in pdf

 

I nostri tecnici di ExtendaVitis ci informano che nel 2018, dato l’andamento piovoso dei mesi primaverili, in qualche vigneto si sono avuti sintomi di escoriosi.
Per il momento, data la assenza di precipitazioni nel mese di marzo, il loro consiglio è di NON FARE TRATTAMENTI.
Dovesse piovere abbondantemente in aprile, si rimanda il trattamento al primo antiperonosporico che di solito consigliano come “preventivo” con METIRAM o PROPINEB o con ZOLFO (per le az. Biologiche).

Si rimanda al comunicato per ulteriori informazioni, disponibile per la visualizzazione e il download.

EVENTI : Proposte 2019 sulle linee di difesa biologiche

“Linee di difesa biologiche: le proposte del 2019”: presentazione di protocolli per la difesa viticola volti a contenere la peronospora e l’oidio entro i limiti previsti dalla normativa vigente.
A seguire: presentazione dello stato dell’arte del COPA (Centro di Orientamento, Propulsione e Affiancamento) e report sull’esperienza di affiancamento dei tecnici.

Ristorante Al Barco, San Stino di Livenza (VE) – ore 16-19

Relatori:
Karen Casagrande, biotecnologa
Paolo Belvini, ExtendaVitis
Mattia Pastro, ExtendaVitis
Chemia-Nutriland, Geofin, K&A Kalos, Sumitomo

L’incontro è libero e aperto ad aziende, operatori del settore e stakeholders territoriali. Alla chiusura dei lavori sarà offerto un brindisi di buon auspicio ai lavori per il 2019.

Incontro organizzato dalla società di consulenza ExtendaVitis, dal BioVenezia e dal Biodistretto dei Colli Euganei con il supporto del progetto TerritoriBio finanziato dal PSR Veneto 2014-2020.

 

Scarica le locandine qui e qui.

EVENTI : incontro con Agricola Grains ed ExtendaVitis a Castelfranco

Gli amici di Agricola Grains organizzano un nuovo incontro un nuovo incontro sulla sperimentazione in biologico, in particolare sul seminativo e vitivinicolo. I nostri tecnici consulenti di ExtendaVitis offriranno la loro conoscenza ed expertise e la domanda cui si vorrà rispondere, e che dà anche il titolo all’incontro, è volutamente provocatoria: Produrre biologico è solo una risposta al consumatore?

 

L’incontro è fissato per la mattina del martedì 26 febbraio presso ISISS Domenico Sartor di Castelfranco Veneto (TV): i lavori cominceranno alle ore 10.30 e vedranno anche la partecipazione attiva dei ragazzi della scuola. Il vicepresidente del BioVenezia Stefano Ervas terrà in questa occasione un intervento sul ruolo chiave dei biodistretti nello sviluppo di questo nuovo modello di sviluppo agricolo, dimostrando come un modello virtuoso di biodistretto può costituire un importante connettore e volano di sviluppo.

 

L’incontro si concluderà alle ore 12.45 con un brindisi (rigorosamente bio).

   

Consulta il programma qui.

 

EVENTI : Una serata sul biologico a Chions (PN) con Agricola Grains

L’anno è ricominciato ed è già avviato, ma le occasioni per parlare di agricoltura biologica non mancano mai.

Il comune di Chions (provincia di Pordenone) e Agricola Grains hanno organizzato per la serata di giovedì 21 febbraio 2019 un incontro formativo per gli operatori del settore. La domanda cui si vorrà rispondere e che dà il titolo all’incontro è provocatoria: Produrre biologico è solo una risposta al consumatore?

Grazie all’intervento di esperti afferenti a diversi settori e colture si tenta di dare risposte e nuovi spunti per condurre l’agricoltura del territorio ad un nuovo livello di sviluppo. Daniele Piccinin, Presidente del BioVenezia, terrà un intervento sul ruolo chiave dei biodistretti nello sviluppo di questo nuovo modello, dimostrando come un modello virtuoso di biodistretto può costituire un importante connettore e volano di sviluppo.

Vi aspettiamo dunque alle ore 19 presso l’Auditorium Villa Perotti in via San Giuseppe, 1 – Chions (PN). L’incontro si concluderà con un brindisi.

 

Consulta il programma qui.

EXTENDAVITIS : Comunicato tecnico n°1 – 2019

EXTENDAVITIS : Comunicato tecnico n°1 – 2019


Scarica il comunicato in pdf

 

POTATURA DELLA VITE: QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2019
(fertilità ottenuta con germogliamento anticipato)

Nel 2018 la produzione è stata molto superiore al normale, soprattutto nel Glera, a causa della elevata fertilità delle gemme e dell’elevato peso medio dei grappoli. L’equilibrio vegeto-produttivo si ottiene con l’armonizzazione di tutte le pratiche colturali. Una delle più importanti, è la quantità di gemme (“carica di gemme”), che si lascia con la potatura invernale. I disciplinari delle varie denominazioni obbligano a rispettare limiti produttivi massimi.
Conoscendo in anticipo la “fertilità delle gemme“ (il n° di infiorescenze, futuri grappoli, presenti in ogni nodo), è possibile stabilire, con una certa approssimazione, quanti nodi lasciare (per vite e per ettaro) per ottenere la produzione definita dai disciplinari.

Apri il comunicato per: fertilità delle gemme, cariche di gemme consigliate e alcuni consigli pratici.

 

RACCONTI : Workshop “Convers(az)ione verso il biologico”

Siamo molto orgogliosi di potervi raccontare che il workshop di venerdì 30 novembre 2018, “Convers(az)ione verso il biologico. Le sperimentazioni in atto, le varietà resistenti e l’importanza del biologico nel territorio”, ha riscosso molto successo di pubblico.

Alla Tenuta Costigliola di Rovolon, sui Colli Euganei, in tanti (oltre centosettanta) si sono dati appuntamento alle 14.30 per assistere alla serie di interventi sul tema organizzati dal nostro biodistretto BioVenezia insieme al Biodistretto dei Colli Euganei nell’ambito del progetto Territori Bio. A moderare esperti e tecnici di respiro nazionale è stato Mimmo Vita di Veneto Agricoltura, che ha saputo legare abilmente gli interventi e condurre il workshop alla sua degna conclusione, ovvero una degustazione di vini ottenuti da varietà resistenti quali i Resiliens (bianco e rosso) dell’azienda Le Carline di Pramaggiore (VE) e il Merlot Khorus dell’Azienda vitivinicola Parco del Venda di Boccon di Vo’ (PD).

I presidenti dei biodistretti Daniele Piccinin (BioVenezia) e Marco Sambin (Biodistretto dei Colli Euganei) hanno aperto l’incontro, sottolineando la missione comune di diffusione del metodo biologico e anticipando anche uno dei temi principali della giornata, ovvero la riduzione dell’utilizzo di rame, di cui molto si è discusso negli ultimi giorni a seguito del regolamento europeo che sarà in vigore da febbraio 2019.

A seguire Luca Colombo di FIRAB ha illustrato i progetti creatisi all’interno di Territori Bio e in particolare quello legato all’e-ticketing, un modulo online di richiesta di aiuto in campo che raccoglierà i problemi e le criticità riscontrate dai produttori affinché un team di esperti e di tecnici possa rispondere in modo tempestivo, professionale e adeguato.

Anche l’assessore all’agricoltura Giuseppe Pan ha partecipato all’incontro sottolineando l’impegno della Regione Veneto in materia di sviluppo agricolo e di sostegno al biologico. «Nella misura 12 abbiamo finanziato 979 domande con 31 milioni di euro a disposizione del biologico» spiega l’assessore «e nella misura 3.2 sei progetti per 579 mila euro messi a disposizione sempre del biologico. Questo per favorire una biodiversità da rispettare e in linea con un trend che sta aumentando».

Hanno fatto seguito le dott.sse Amelia Perego e Luisa Mattedi che hanno portato le loro esperienze in campo biologico dalla Toscana (in quanto Amelia Perego è tra i fondatori del Biodistretto del Chianti) e dal Trentino (Luisa Mattedi è invece ricercatrice nazionale dell’Istituto Mach di san Michele all’Adige). Quest’ultima in particolare ha raccontato la sperimentazione di nuove soluzioni alternative al rame, anche se condivide il fatto che l’abbassamento del rame da 6 kg/h a 4 kg/h (per quanto spalmabile nei 28 kg in 7 anni) deciso dal nuovo regolamento comunitario metterebbe in difficoltà alcuni distretti della viticultura trentina. In questo senso l’esperienza del Trentino sarebbe comune a quella del Veneto.

Restando nell’ambito delle sperimentazioni sul campo è intervenuta tutta la compagine tecnica afferente ai due biodistretti: …. di Os.T.E. Osservatorio Tecnico Euganeo (Biodistretto dei Colli Euganei) e Giovanni Pascarella di ExtendaVitis (BioVenezia).

A concludere gli interventi del pomeriggio il professor Luca Rossetto della facoltà di Agraria dell’Università di Padova ha illustrato il trend in aumento del biologico rispetto alla produzione ma anche al consumo e alla consapevolezza da parte del pubblico. Importante è in particolare il dato (fornito da una indagine Nomisma per Osservatorio SANA relativa al 2018) che vede l’80% della popolazione italiana aver acquistato o provato almeno una volta prodotti biologici nell’arco di un anno.

Per dare la possibilità di seguire l’intervento anche a coloro che non sono potuti essere presenti è stata predisposta una diretta Facebook che può essere tutt’ora consultata a questo link.

Ringraziando i partecipanti e tutti coloro che sono intervenuti in questa nostra importante giornata, lasciamo in visione alcuni scatti.

   

EVENTI : Oltre il biologico: i vini Resiliens, i vini del futuro

Insieme al nostro biodistretto e nell’ambito del progetto Territori Bio, l’azienda agricola Le Carline ha organizzato un incontro informativo sui vitigni resistenti PIWI che porrà al centro una degustazione dei due vini Resiliens, ottenuti da questi vitigni resistenti.

L’incontro avrà luogo presso l’azienda Le Carline in via Carline 24 a Pramaggiore (VE) a partire dalle ore 18. Lo scopo è quello di mettere a confronto i dati vendemmiali delle micro vinificazioni di due annate dei vini da vitigni resistenti. La sperimentazione in questo campo è fondamentale poiché questa tipologia di vitigni necessita di pochi trattamenti, e dunque potrebbero costituire davvero una svolta nella vinificazione del futuro.

L’incontro è inserito nel contesto del progetto TerritoriBio, finanziato dal PSR del Veneto 2014-2020, Misura 16 Cooperazione, focus area 3A.

L’incontro è gratuito ed è a numero chiuso.
Per partecipare, iscriversi utilizzando i seguenti recapiti:
tel. 0421.799741 – mail info@lecarline.com

Vi aspettiamo!

EVENTI : Corso gratuito di vitivinicoltura biologica promosso da Territori Bio

Siamo pronti ad avviare già un secondo corso gratuito per titolari, coadiuvanti, partecipi familiari e salariati impegnati nel settore agricolo. Anche in questo caso il progetto è sostenuto da Territori Bio – Territori E Reti Rurali per Innovazioni Tecniche e Organizzative Rivolte a Imprese Biologiche – e organizzato dal nostro partner Cipat Veneto con la collaborazione tecnica dei docenti di ExtendaVitis.

Questo secondo ciclo di incontri è dedicato ad un approfondito aggiornamento su acquisizioni tecniche e prospettive innovative in vitivinicoltura biologica. Il corso ricopre un intero semestre per un totale di otto incontri, ciascuno dei quali si occuperà delle tematiche descritte qui di seguito:

► 5 dicembre 2018 – Gestione dell’equilibrio vegeto-produttivo del vigneto ai fini di una produzione di qualità: fertilità delle gemme e programmazione produttiva;
► 9 gennaio 2019 – Concimazione del vigneto ed equilibrio produttivo;
► 23 gennaio 2019 – Malattie del legno e prevenzione;
► 27 febbraio 2019 – Protocolli di produzione: aspetti agronomici;
► 13 marzo 2019 – Protocolli di produzione: piani di difesa;
► 27 marzo 2019 – Sistema promozionale e valorizzazione delle produzioni bio;
► 22 maggio 2019 – La gestione della chioma;
► 5 giugno 2019 – Gli adempimenti della certificazione biologica in vitivinicoltura: monitoraggio e controllo parassiti animali.

Tutti gli incontri si svolgeranno il mercoledì dalle ore 18 alle ore 22 presso la sede di GAL Venezia Orientale in via Cimetta, 1 – Portogruaro (VE).

Possono partecipare solo le figure collegate ad una P.Iva agricola: titolari, coadiuvanti, partecipi familiari e dipendenti.

Questo il link dove scaricare la scheda di adesione, che dovrà essere compilata e spedita via fax 041.936702 oppure a info@cipatveneto.it.

Per ulteriori informazioni contattare Cipat Veneto allo 041 929167 oppure via e-mail all’indirizzo info@cipatveneto.it

Scarica la locandina qui.