BIOVENEZIA

Il Biodistretto della Venezia centro-orientale è nato dalla spinta propulsiva degli agricoltori biologici e dai cittadini, sempre più interessati ai dibattiti sulla sostenibilità e alla tutela della salute e dell’ambiente. Il Biodistretto vuole essere un modello di sviluppo ecosostenibile caratterizzato dal coinvolgimento delle comunità locali e da una progettualità fortemente partecipativa. Ad esso aderiscono infatti:
  • agricoltori, fattorie didattiche, aziende agricole sociali
  • distributori, trasformatori, soprattutto artigianali
  • comuni ed altri enti locali
  • associazioni (di agricoltori, culturali, sportive, ricreative…)
  • ristoratori, albergatori, agriturismi
  • operatori del turismo (dai campeggi ai wellness, ecc.)
  • enti di ricerca, Università
  • cittadini consumatori, singoli o in gruppo.
  Dopo un percorso concertativo preliminare avviato nel 2015, la Venezia Orientale si è presentata all’importante appuntamento per la creazione di un distretto sulla produzione biologica nell’entroterra della città di metropolitana di Venezia. Sabato 5 novembre 2016, presso il Municipio di Annone Veneto, è stata costituita l’associazione Biodistretto della produzione e della comunità del biologico della Venezia Centro-Orientale, in breve BioVenezia. Sono 19 i soci fondatori tra cui numerosi produttori, l’associazione Strada dei Vini, il Consorzio Vini Venezia, il Consorzio di Bonifica e l’Aiab (l’Associazione italiana per l’agricoltura biologica). Il BioVenezia è coordinato da l’Assemblea Generale dei Soci, il Consiglio Direttivo e il Presidente, con la supervisione di un Revisore Contabile. All’atto Costitutivo è stato nominato un Comitato Direttivo che rimarrà in carica fino al 31 dicembre 2017, nei primi mesi del 2018 sarà tenuta l’assemblea generale dei soci che provvederà ad eleggere il primo Comitato Direttivo effettivamente eletto da tutti i soci che saranno iscritti all’apposito libro al 31 dicembre 2017.